Sviluppare una campagna Facebook? Da dove partire?

Blog 25-10-2018

Sviluppare una campagna Facebook non è mai un lavoro semplice e meccanico, ma esistono dei passi fondamentali da seguire e dei tools fantastici per comprendere al meglio come aggredire l’audience, per capire quale format è il più funzionale e sopratutto comprendere da dove iniziare a pianificare la campagna.

Ascolta questo articolo

Partiamo!

Primo elemento da considerare è comprendere chi siamo, cosa vogliamo vendere, a chi, in che misura e a seguito di quale processo.
Avvaliamoci in tal caso dello strumento d’analisi SWOT. Potentissimo strumento in grado di scandagliare affondo i nostri pregi o difetti. Pensiamo al nostro prodotto o servizio da commercializzare e mettiamolo a nudo evidenziando punti di forza, punti di debolezza, opportunità e minacce. Non c’è da essere avari o da esaltare troppo qualità immaginarie, ma è necessario solo essere realisti.

Dal seguente link è possibile scaricare un template per l’analisi SWOT e iniziare a Sviluppare una campagna Facebook strutturata.

Per scandagliare al meglio la percezione che gli utenti hanno dei nostri prodotti o servizi possiamo usare anche i moduli di Google in Drive per sviluppare questionari e porre domande direttamente ai nostri prospect e clienti. In tal modo entriamo nel merito dei nostri prodotti e servizi e lasciamo rispondere direttamente gli utilizzatori. Nulla di più semplice offrire a fine questionario un buono sconto da utilizzare nel nostro e-commerce.

Bene, altro strumento base è lo sviluppo delle “Buyer Personas”. Parliamo di una simulazione multipla e generalizzata del tuo cliente ideale, più o meno é come giocare ad “Indovina Chi”, però con molte più soddisfazioni.

Definire la buyer personas ti serve per capire sia i tuoi attuali clienti ma soprattutto ti aiuta ad identificare quelli potenziali, rendendoti molto più facile il lavoro di personalizzazione dei contenuti.

Vi offro un file scaricabile da poter utilizzare per completare le nostre “Buyer Personas”.

Prima di iniziare con lo sviluppo campagna però avvaliamoci di un fantastico tools online: answerthepublic.com.

Lo zio pelato ci offre in maniera, completamente gratuita, delle semplici visualizzazioni dei dati raccolti dai suggerimenti automatici di Google e Bing.

In tal modo riusciamo a capire come si potrebbe iniziare a rispondere al proprio pubblico nel modo migliore, con la creazione di contenuti utili, divertenti o stimolanti.

Ancora metriche sempre metriche stare pensando. Non per niente i Big data, le tecnologie e le metodologie di analisi di dati massivi (ovvero la capacità di estrapolare, analizzare e mettere in relazione i dati) si stanno rilevando elementi imprenscindibili.

Ok a tal proposito utilizziamo Sociograph per effettuare le analisi delle fanpage e dei gruppi. Serve per analizzare nel dettaglio le pagine e i gruppi, nostri o meno non importa. Quello che importa è utilizzare a nostro vantaggio i dati migliori e più interessanti in un determinato intervallo di date.

In merito ai Trends di prodotto o periodo da considerare vi invito a dare un’occhiata anche e Google Trends, non sempre funzionale ma a volte essenziale.

Come dico spesso in aula alle Business School, possiamo permetterci di sbagliare le ADS, il Copy e la scelta dalla Visual, c’è sempre rimedio, ma se sbagliamo la parte di studio e se sbagliamo la definizione del nostro target sbaglieremo sempre e comunque tutte le nostre Facebook ADS.

Per questo entriamo in tackle nella sezione del business manager definita Analytics e iniziamo a comprendere le metriche relative alla crescita della nostra Pagina, le metriche relative all’interazione e i post con più reazioni.

Fantastico il quadro è completo, e adesso?

Adesso ci manca il Funnel! Parliamo esattamente del percorso o processo di acquisto (customer journey) che ogni persona adotta.

Un percorso che, in termini di tempo, può durare poco o tanto in base alla priorità e al livello di costo che deve sostenere ma che delinea un possibile processo d’acquisto.

Il Funnel della nostra azienda, raffigura in sostanza il percorso d’acquisto che conduce il potenziale cliente, dal primo contatto con il nostro brand, sino all’acquisto del nostro prodotto/servizio.

Vi mostro una visual riguardante un Funnel formato easy utile a Sviluppare una campagna Facebook strutturata.

Tutto parte dalla ricerca iniziale di info, il prospect inizia a raccogliere informazioni in merito al nostro prodotto/servizio riempendo la parte più larga dell’imbuto (o funnel).

La mia audience adesso è lì adesso pertanto io azienda dovrò andare ad occupare questi “spazi” cercando di essere presente, visibile alla mia audience, attraverso contenuti utili e disponibili negli strumenti di comunicazione prescelti.

Siamo nella fase 1, il primo passo. Il nostro compito è quello di offrire contenuti di valore al fine di essere intercettati, raggiungibili e “consumabili” da parte degli utenti.

Tanto più i nostri contenuti offrono soluzioni tanto più si potrà attivare la lead generation. Ossia tramite determinati strumenti e procedure (call to action) l’utente lascia all’azienda un contatto mail, accede al sito e possiamo ancoriamo mediante cookies la nostra azione di Remarketing.

In tal modo il visitatore, diventato lead, entra nel secondo livello del funnel. Il nostro prodotto o servizio non sarà più un elemento sconosciuto ma potremo arriveremo a condividere con l’utente una serie di contenuti utili, che avranno lo scopo di informarlo, educarlo e indirizzarlo ad un possibile acquisto finale.

Una volta avviato il processo l’imbuto inizia a stringersi offrendo solo conversioni intese come vendite o massime interazioni di valore.

Ok capisco, vi starete chiedendo non abbiamo ancora iniziato a sviluppare le ADS e già tutta questa roba c’è da fare.
Si è proprio così, senza tutta questa parte di studio e senza tutte queste ore di lavoro iniziale non potremo mai e poi mai dar vita a nessuna campagna professionale.

Adesso non ci resta che importare tali info sul nostro Business Manager e iniziare a strutturare le nostre campagne.

Da un punto di vista grafico ci sono tanti Tools online gratuiti capaci di creare le immagini per le nostre campagne. Da Canva a Crello, quando non abbiamo a disposizione del budget per un grafico (purtroppo succede, anche se preferirei di no), possiamo avvalerci di tali supporti.

Utile anche Colorpick, estensione per Google Chrome che aiuta a sviluppare facilmente i colori delle pagine web. Molto utile da usare per fare grafiche interessanti.

Ah dimenticavo, se lavoriamo in team, per esempio Grafico e Copy un utile collante è Trello, fantastico per tracciare cosa stiamo facendo in team, per avere traccia mediante bacheche e schede dei lavori sviluppati per i singoli clienti e per condividerci file o media. Elemento da non sottovalutare? E’ totalmente gratuito!

Ottimo adesso il quadro inizia a delinearsi e non ci resta che tradurre in campagna FACEBOOK ADS i dati sviluppati per Sviluppare una campagna Facebook strutturata.

Partiamo con una breve e funzionale occhiata alla Creative Hub Gallery che Facebook ci mette a disposizione e scopriamo formati utili e che possono fare al nostro caso.

Non sarebbe male andare a vedere le Storie di successo e i Case study che Facebook propone come aziende simili alla nostra capaci di crescere grazie alle soluzioni di marketing di Facebook. Chiaramente attiviamo sempre la modalità valutazione con discernimento, ogni pianeta ha e sue galassie.

Benissimo iniziamo a lavorare senza dimenticare che le nostre campagne funzioneranno solo se studiamo, studiamo e studiamo il nostro target, il nostro prodotto o servizio, la pertinenza tra messaggio e target, la Creatività e i link la saturazione e i dati.

Nel prossimo articolo entreremo nel merito della strutturazione della campagna. Stay tuned! 👍😉

Se vuoi rimanere aggiornato e avere maggiori approfondimenti scrivimi o acquista la sessione di formazione in Live!

In Live significa che mi potrai fare tutte le domande che vuoi per strutturare la tua campagna o le campagne dei tuoi clienti.

Ciao, a presto e non dimenticarti di studiare!

Condividi